Deframmentazione completa su Vista

How-To, Pillole Scrivi un commento

Il tool di deframmentazione predefinito di Windows Vista non fornisce, a differenza di quanto accadeva in XP, indicazioni sullo stato di avanzamento del processo in corso, né una rappresentazione grafica con i risultati della pre-analisi del disco e la visualizzazione delle operazioni di deframmentazione mentre queste vengono eseguite dal sistema. Una volta avviato il processo da Start, Programmi, Accessori, Utilità di Sistema, Utilità di deframmentazione dischi la maschera corrispondente dà la sola indicazione Deframmentazione del disco rigido (C:) in corso… senza fornire neppure la percentuale di completamento dell’attività.

In questo articolo descriveremo alcuni suggerimenti per deframmentare il disco rigido con un maggior controllo del processo e disponendo di una maggiore quantità di informazioni.
Una possibilità è usare programmi open source come JKDefrag o freeware come Defraggler. Il primo risulta fra i più efficaci programmi di deframmentazione in diversi test comparativi (migliore anche di qualcuno a pagamento), ma ha una grafica un po’ spartana. Il secondo unisce una buona qualità di deframmentazione a un’ottima interfaccia grafica.
Se proprio non volete usare dei programmi alternativi e gratuiti, un metodo già disponibile su Vista consiste nell’avviare la utility nativa di Windows defrag.exe dal prompt dei comandi, usando i parametri corretti.
Innanzitutto è necessario aprire un’istanza del prompt dei comandi come amministratore. Per far ciò basta andare su Start, Programmi, Accessori, selezionare la voce Prompt dei comandi con il pulsante destro del mouse e cliccare su Esegui come amministratore. Se avete il controllo UAC (User Account Control) attivo dovrete autorizzare l’operazione dando Continua al pop-up successivo.
A questo punto basta digitare al prompt il comando e i parametri desiderati rispettando le regole descritte di seguito.
defrag <volume> [-p1] [-p2]
dove <volume> specifica la lettera di unità o il percorso del punto di mount del volume da deframmentare o analizzare e p1, p2,… sono i parametri scelti.
I possibili parametri e il rispettivo significato sono descritti di seguito:

-c Deframmenta tutti i volumi del computer locale.
-a Esegue solamente l’analisi della frammentazione.
-r Esegue una deframmentazione parziale (impostazione predefinita), ovvero si applica solo ai frammenti di file di dimensioni inferiori ai 64 MB.
-w Esegue la deframmentazione completa, ovvero si applica a tutti i frammenti di file (indipendentemente dalla dimensione).
-f Forza la deframmentazione del volume in caso di spazio disponibile insufficiente.
-v Specifica la modalità dettagliata di informazioni (l’output delle operazioni di deframmentazione e analisi include maggiori informazioni).
-? Visualizza le informazioni della Guida.

Ad esempio, il comando:
defrag C: -a -v
avvia l’analisi del disco ‘C’ restituendo il maggior numero di informazioni possibili come output.

Se vogliamo fare una deframmentazione pù completa di quella eseguita per impostazione predefinita da Vista, basterà indicare il parametro -w (estendendo l’operazione a tutti i frammenti di file, compresi quelli di dimensione superiore ai 64 MB).

Deframmentazione registro

Per migliorare le prestazioni del nostro sistema è necessario deframmentare anche il registro di sistema di windows, l’area all’interno della quale vengono memorizzate ed aggiornate tutte le informazioni relative al software installato, alla configurazione del sistema operativo e ai profili dei vari utenti.
Prima di procedere con la deframmentazione è opportuno eseguire la pulizia del registro, ad esempio con software freeware come CCleaner.
Un buon programma gratuito per la deframmentazione e compattazione del registro è QuickSys RegDefrag che possiede anche un’ottima interfaccia grafica e produce un rapporto completo sulle operazioni effettuate. In alternativa suggeriamo Free Registry Defrag altrettanto efficace, ma con un’interfaccia più essenziale.

In un prossimo articolo vedremo come liberare spazio sul nostro hard disk deframmentando file di grandi dimensioni come pagefile.sys ; in questo articolo diamo invece suggerimenti per ottimizzare lo spazio riservato al System Volume Information.

Be Sociable, Share!

Se questo articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, iscriviti gratuitamente ai nostri feed RSS per restare sempre aggiornato sulle nuove pubblicazioni di Particelle Elementari!

 Iscriviti gratuitamente ai nostri feed RSS!

Se vuoi saperne di più sui feed RSS (cosa sono e a che servono) clicca qui.

Non dimenticare di segnalare l'articolo e condividerlo con i tuoi amici! Puoi anche lasciare una tua valutazione, con un voto da 1 (min) a 5 (max), o un commento.

Leggi anche:

Condividi e vota questo articolo

Be Sociable, Share!
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (nr. voti: 4; media voti: 5,00 su 5)
Loading...Loading...

6 commenti per “Deframmentazione completa su Vista”

  1. Kushiro ha scritto:

    Davvero utile grazie mille :D

  2. Francesco ha scritto:

    Mi sono accorto con un po’ di ritardo dell’utilità di questo sito che consiglia ottimi programmi di utilità. Grazie davvero!

  3. Daniela.. ha scritto:

    E’ scritto molto chiaramente….ed è molto utile….grazie…

  4. Michele ha scritto:

    Sito messo nei preferiti…
    defrag di Vista PESSIMO….e da 4 ore che va, e capisco che non è impallato solo dalla rotellina che gira !?!
    Ora interrompo e segui i vostri consigli.
    Ciao e Grazie

  5. elisa ha scritto:

    Articolo molto utile e chiaro. Grazie!

  6. Giuseppe Cisternino ha scritto:

    Grazie , un articolo molto importante !
    Complimenti per la spiegazione e la risoluzione del problema

    Presidente RADIO AMICIZIA . Conversano – Bari

Scrivi un commento

 

Particelle Elementari è sviluppato su piattaforma WordPress
WP Theme & Icons by N.Design Studio Restyling by Tecnìco, Adapted by Particelle Elementari
Feed RSS Mappa Sito Accedi